Sicurezza alimentare, i cibi da evitare secondo Coldiretti

sicurezza alimentare

Quando si parla di sicurezza alimentare, bisogna prestare la massima attenzione, dal momento che ne va della nostra salute. Durante lo scorso anno, Il sistema Rassf (ovvero il sistema italiano di allerta Rapido), ha informato l’Unione Europea di qualcosa come 398 notifiche di allerta alimentare. Insomma, più di una segnalazione al giorno, con l’obiettivo di mettere una certa attenzione verso i cibi che, dal punto di vista potenziale, possono essere rischiosi per la salute umana.

Sicurezza alimentare, l’allarme di Coldiretti

Ecco spiegato il motivo per cui la Coldiretti, proprio basandosi su queste informazioni, ha scelto di comunicare un elenco dei dieci cibi più pericolosi per la salute umana. Soprattutto per via del fatto che si possono trovare con grande facilità al supermercato oppure al negozio nel centro città. Insomma, cibi che possono arrivare con grande semplicità sulle tavole degli italiani.

Quante segnalazioni nel 2018

Da questo elenco emerge una prima indicazione, ovvero quella relativa al buon livello di sicurezza dei prodotti nazionali. È sufficiente mettere in evidenza come circa 400 delle segnalazioni che sono avvenute nel 2018, solo una settantina sono quelle che fanno riferimento ai cibi di derivazione italiana.

I prodotti ittici spagnoli

Dando un’occhiata alla lista addirittura 134 provengono da Paesi al di fuori dei confini dell’UE, mentre 194 provenivano da Paesi targati UE. I principali rischi per la sicurezza alimentare in Italia, quindi, arrivano dalla categoria pesce e affini. In particolar modo, a destare le maggiori preoccupazioni troviamo tutti quei prodotti ittici che arrivano dalla Spagna, soprattutto pesce spada e tonno.

Pesce spada e tonno

In questi ultimi due prodotti, infatti, sono state rilevate concentrazioni particolarmente alte in riferimento alla presenza di mercurio e infestazione da Anisakis, un parassita molto dannoso per la salute umana. Particolare attenzione va prestata anche per le ostriche vive francesi, che più di una volta hanno portato a delle vere e proprie allerte alimentari, soprattutto per colpa dell’individuazione del Norovirus.

Carne cruda

Tra gli altri cibi che possono, almeno dal punto di vista potenziale, portare numerosi pericoli al benessere umano troviamo anche la carne cruda, che può essere sia di manzo che di pollo, con il rischio Escherichia Coli, oppure la frutta secca, al cui interno si possono trovare aflatossine e salmonella.

Frutta secca

Tante confezioni di arachidi egiziane e di nocciole che arrivano da Azerbaijan e Turchia, infatti, possono portare con sé proprio il pericolo della salmonella. Insomma, si può dare un’occhiata alla lista che è stata stilata da Coldiretti per mettersi il cuore in pace ed essere informati.

Commenti

commento