Birra, se viaggiate in questi Paesi costa decisamente di meno

birra

Siete degli amanti della birra? In qualsiasi nazione vi rechiate, il vostro unico pensiero è trovare, alla fine della giornata, un buon pub in cui poter gustare una birra locale? Allora, dovreste sapere anche come in tanti altri Paesi del Vecchio Continente, la birra costi molto di meno rispetto al prezzo praticato in Italia.

Il rapporto di Eurostat sul prezzo della birra nei vari Paesi dell’Unione Europea

Ad esempio, sia in Francia che in Romania il prezzo di una birra potrebbe essere notevolmente diverso. Lo confermano i dati che sono stati analizzati da parte di Eurostat, un’agenzia di statistica europea, che ha da poco tolto i veli ad un rapporto che si focalizza proprio sulla differenza di prezzi dell’alcol nei vari Paesi all’interno dell’Unione Europea.

Prendendo in considerazione questi dati, pare proprio che ci siano alcuni Paesi davvero molto convenienti per quanto concerne la birra. Tenendo come base 100 la media delle 28 nazioni dell’Unione Europea, durante lo scorso anno è stato riscontrato come l’indice dei prezzi delle bevande alcoliche in Finlandia è pari a 182, mentre in Romania e Bulgari è pari solamente a 74.

Giusto per avere un quadro migliore della situazione e dei dati, in Francia il valore è pari a 94, mentre in Italia si arriva esattamente a 100. Insomma, tutti coloro a cui piace consumare sempre una birra in viaggio, farebbero meglio a scegliere delle destinazioni nell’est Europa per le proprie vacanze.

Infatti, in fondo a questa particolare graduatoria troviamo proprio diversi Paesi dell’Est, ovvero Ungheria, Bulgaria, Romania e Repubblica Ceca. Come è stato svelato da parte del The Indipendent, l’alcol risulta essere ancora più vantaggioso, dal punto di vista economico, nella Macedonia Nord e in Bosnia ed Erzegovina.

In Inghilterra il tasso di cambio al momento è molto favorevole, ma…

Un altro dettaglio molto interessante che sarebbe meglio conoscere è che la variazione del valore della sterlina nel Regno Unito, per via della Brexit, potrebbe avere garantito un assist involontario a quanti vogliono godersi una pinta di birra in Inghilterra. Il potere d’acquisto dell’euro è più forte e, di conseguenza, il cambio è più vantaggioso.

Il problema è sempre legato all’abuso. Lasciando stare i prezzi, il consumo eccessivo di bevande alcoliche può portare gravi conseguenze non solo nella vita di tutti i giorni, ma anche nelle relazioni con gli affetti più importanti. È abbastanza facile intuire come, fino a quando si tratta di una birra in compagnia degli amici, conviene sfruttare il vantaggio economico. Altrimenti, assolutamente no.

Commenti

commento