Alcol sintetico, questa invenzione annullerà gli effetti post-sbornia?

alcol sintetico

Sappiamo molto bene come, soprattutto nel corso delle festività natalizie, un brindisi tiri l’altro. E cominciano a sprecarsi i vari shot, ma anche i cocktail da bere, Insomma, ogni occasione è buona per poter far festa, anche se qualche rischio di ubriacarsi e ritrovarsi a casa il mattino dopo con il mal di testa c’è sempre. Ecco spiegato il motivo per cui questo alcol sintetico può essere la vera e propria soluzione a tutti questi problemi.

Alcol sintetico, come evitare i danni al fegato

Il fegato, infatti, dopo un po’ di cocktail e qualche giro di birre potrebbe cominciarne a risentirne, anche in modo doloroso. Ecco spiegato il motivo per cui un po’ tutti vorrebbero bere, ma senza la paura di causare dei danni al fegato. Fino ad ora era più un sogno, ma ben presto potrebbe tramutarsi sul serio in realtà.

L’idea del dottor Nutt

Tutto merito degli studi del ricercatore David Nutt. Si tratta di uno stravagante scienziato inglese che da tempo sta lavorando al suo Alcosynth. Si tratta di un tipo mai visto finora di alcol sintetico. Così speciale per via del fatto che sarebbe in grado di non lasciare postumi in seguito alla sbornia. E di conseguenza la salute del soggetto coinvolto sarebbe nella più totale protezione.

Stop agli effetti negativi sulla salute?

Senza alcun effetto negativo sulla salute e stop ai postumi del post-sbornia. Sembra di vivere un sogno per tanti che non sanno proprio dire di no ad un bicchiere di birra alla sera. Ebbene, questo alcol sintetico del tutto particolare è un composto chimico che è stato prodotto seguendo un procedimento davvero molto complesso.

Servono 7 milioni di euro

Per realizzare questo speciale alcol sintetico, un team composto da ben 8 studiosi è al lavoro da diversi mesi. Sempre ovviamente sotto la direzione del professor Nutt. Il finanziamento per questa ricerca verrà richiesto con la costituzione della società Alcarelle. L’obiettivo è quello di raggranellare investimenti fino ad arrivare ad una cifra complessiva che si aggiri intorno ai 7 milioni di euro.

L’obiettivo finale

I finanziamenti ovviamente serviranno anche per dare via all’ultimo periodo di test e sperimentazione e poi provare a lanciare sul mercato tale prodotto. Sembra che Alcosynth possa avere in futuro un notevole impatto nell’universo degli alcolici. Si potrebbe considerare esattamente alla stregua della sigaretta elettronica per chi è abituato a fumare ogni giorno. Una vera e propria rivoluzione che mira a cambiare le abitudine di migliaia e migliaia di persone. E ovviamente anche la loro salute potrebbe ringraziare.

Commenti

commento