Pancia piatta, ecco come conservarla anche dopo aver compiuto 30 anni

alimentazione- per- avere-una-pancia-piatta-
Immagini: iStock Photos

Pare proprio che, una volta superati i 30 anni, una delle problematiche che fanno maggiormente capolino, dal punto di vista prettamente estetico, tra gli uomini sia proprio quella di conservare la pancia piatta. Ecco spiegato il motivo per cui si cerca di fare di tutto e di più per tenere la pancia piatta sempre sotto controllo.

Le cause che possono portare a mettere su un po’ di chili e ad aumentare la pancia sono numerose. Prima di tutto, il fatto di mangiare in maniera eccessiva, poi la passione verso una bevanda che il genere maschile ama, ovvero la birra, senza dimenticare anche tante altre abitudini non proprio da prendere come esempio.

Ecco spiegata la ragione per cui, dopo aver compiuto i trent’anni in avanti, si tende ad accumulare grasso che, nella maggior parte dei casi, dopo aver raggiunto la soglia dei 40 anni, questo accumulo di grasso fa diventare la pancia come se fosse una grande palla.

In realtà, ci vuole davvero ben poco per evitarlo, però chi ha già un po’ di pancetta ed è preoccupato di fare questa “fine”, dovrebbe seguire alcune semplicissimi suggerimenti. Il primo, probabilmente anche in ordine di importanza, è quello di tenere a bada il consumo di birra.

La famosa bevanda bionda, pur essendo a volte irresistibile, rappresenta una delle cause più importanti nello sviluppo, in alcuni casi anche incontrollato, della pancia. Una birretta da 355 ml garantisce un contributo di ben 153 calorie e al suo interno si trovano qualcosa come 13 grammi di carboidrati. Tutti e due sono dei fattori fondamentali per mantenere il grasso all’interno del corpo.

Bevendo sei birre, ovvero sei lattine di ogni altra bibita gasata, viene prodotto un eccesso di calorie che rende impossibile, dal punto di vista fisiologico, bruciare i grassi. Diversi esperti, inoltre, hanno messo in evidenza come la pancia si sviluppi per colpa anche del cibo che, nella maggior parte dei casi, viene associato a un consumo smoderato di birra.

Anche lo zucchero e le bibite gasate devono essere tenute sotto controllo. Lo zucchero, in modo particolare, può condizionare notevolmente il metabolismo e provocare un incremento di peso notevole. Nel momento in cui il fegato risulta essere sovraccarico, ecco che fa diventare il fruttosio del grasso, provocando un vero e proprio accumulo adiposo.

Ovviamente anche l’esercizio fisico è estremamente importante. Non serve, a dispetto di quello che si potrebbe pensare, iscriversi per forza di cose in palestra: va bene andare a correre, camminare tanto, svolgere esercizi di aerobica e, soprattutto, farlo in maniera costante.

Commenti

commento